Case di riposo green: un'idea da Singapore
il tuo negozio dell'usato
Cerca:







mercatopoli magazine

Case di riposo green: un'idea da Singapore
Vivere green
Giovedì 13 Luglio 2017

homefarmL'Italia è un Paese che non cresce, sia in termini economici che in termini di piramide demografica rovesciata. La vita si allunga e le nascite si azzerano! E allora cosa fare per mantenere la generazione degli anziani una generazione attiva?

C'è un progetto che arriva da Singapore e che meriterebbe di essere preso in considerazione anche nel Belpaese. Nell'isola che ospita la metropoli asiatica lo studio di architettura Spark ha presentato un progetto davvero rivoluzionario: la Homefarm, casa di riposo per anziani dove si soggiorna, occupandosi del giardino e dell'orto.

L'iniziativa ha ovviato a due problematiche che attanagliano la realtà urbana: il crescente invecchiamento della popolazione e la forte necessità di ospitare spazi verdi produttivi. Qui - è bene ricordarlo - la maggior parte dei prodotti viene importata.

Un ambiente sostenibile ed autosufficiente

Così è nato il progetto green che si avvale di un sistema di coltivazione idroponico (particolare tecnica di coltivazione fuori suolo), in grado di offrire agli anziani che vi alloggeranno la possibilità di coltivare frutta e verdura necessari al proprio sostentamento, e di vendere la parte in esubero.

case di riposo ecosostenibili

Intorno alla costruzione, a basso impatto ambientale, con sistemi di raccolta piovana, impianti solari e arredamenti ecosostenibili, nasceranno spazi verdi attrezzati e sul tetto albergherà l'orto. Tutto si muove intorno al ruolo degli anziani, unici incaricati a seguire tutte le fasi di coltivazione, dalla semina al raccolto fino all'imballaggio dei prodotti destinati alla vendita al di fuori della struttura.

Una nuova vita a km 0 per gli anziani in buona salute

Gli agricoltori della terza età avranno piena facoltà di decidere sugli introiti derivanti dalla vendita. C'è chi li impiegherà per le spese sanitarie, di alloggio o come ricompensa per il lavoro svolto. Uno stimolo, una nuova possibilità e una nuova vita a km 0 si prospetta all'orizzonte.

case di riposo ecosostenibili

Perché allora non andare oltre i dati statistici, proponendo qualcosa di utile per tutti quegli anziani, in buona salute, costretti a vivere in strutture piatte, tristi, prive di stimoli e di possibilità. Ma se nulla impedisce che nel nostro Paese si possano reimmettere in movimento queste grandiose risorse per la società, regalando la possibilità di riempire spazi vuoti, causa di declino delle capacità cognitive, perché non provarci?

L'invecchiamento non può e non deve essere sinonimo di perdita di competenze e di ruolo. Vissuto come spazio nel quale si ha più tempo per esercitare una funzione, meglio se utile per se stessi e per gli altri, lontano dalla frustrazione e dall'insuccesso, è un'esperienza utilissima all'intera società, di cui andare fieri e orgogliosi.

Veronica Grandetti Veronica Grandetti su Facebook

Veronica Grandetti

31 anni, giornalista pubblicista e una laurea in lettere moderne. Che dire... mi divido tra Siena dove abito e Santa Margherita Ligure, luogo in cui sono nata e cresciuta. Dedico la quotidianità alla scrittura. Nel 2014 ho pubblicato il mio primo racconto di narrativa gastronomica «La dolce strada. Storia dei dolci tradizionali senesi».

Guardo al futuro con positività, abbracciata all'amore della mia vita: Chicco. Maltese di 4 anni.

Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!

Mercatopoli. Copyright ©, 2000 - 2017 by Leotron - Verona - Italy - Partita Iva: IT02079170235 - REA: VR-215439